[TESTO GENNAIO 2022] Prima che gli impollinatori ricomincino a svolazzare per l’Orto Botanico ElGram, ho rimesso mano al Bee-Hotel realizzato nel maggio scorso per ingrandirlo e perfezionarlo. Ne ho ampliato il volume (così da fissarlo bene ai tondini di ferro fissati nel muretto per sorreggere le rose) e poi ho aggiunto dei mattoni di tufo forati col trapano, del legno duro bello secco (forati anche loro), dei rametti e uno strato di cartone alveolare bello spesso. Ho anche rifatto il tetto con nuovi coppi di argilla. Tutto con la compagnia di Robin, un pettirosso che senza alcuna timidezza ha deciso di trasferirsi a vivere nell’Eremo ElGram!

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Bron ElGram (@bron_elgram)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Bron ElGram (@bron_elgram)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Bron ElGram (@bron_elgram)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Bron ElGram (@bron_elgram)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Bron ElGram (@bron_elgram)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Bron ElGram (@bron_elgram)


[TESTO DEL MAGGIO 2021] Mi interesso agli insetti impollinatori da almeno un decennio. La maggior parte dei Sapiens di sente così “superiore” ed “evoluto” rispetto ai Vegetali poichè deambula, ha la mano prensile e vede ocularmente. Io invece, cresciuto nei boschi della Val Luserna, ho sempre ammirato e rispettato i membri del Regno Vegetalia. Ho sempre pensato dialogassero a modo loro tramite le radici e lo stormire delle fronde e -soprattutto- ho sempre osservato come siano capaci di indirizzare le attività umane, costringendo i Sapiens ormai da millenni a dissetarli (portando pesanti secchi d’acqua o ingegnandosi per studiare complessi sistemi di irrigazione), ad agevolarne la riproduzione ampliandone gli areari (dissodando e rendendo fertili terreni improduttivi), a difenderli dall’aggressione degli agenti atmosferici e da altri vegetali con i quali si competono il territorio. In tutto questo discorso, gli insetti impollinatori hanno un ruolo fondamentale… (*spiega) e così ho iniziato almeno cinque anni fa a costruire una piccola casetta per agevolare la nidificazione di bombi e altre “api solitarie” e studiarne il comportamento. Ora che all’Eremo ho molto più spazio, la casetta di cm 15×15 profonda 20 è diventata una struttura più articolata di cm 80×80 profonda 25.

Cinque passaggi per creare il tuo santuario delle api selvatiche:

1. Riempi il tuo giardino di fiori

Le api si affidano a fiori selvatici, arbusti e alberi in fiore per fornire cibo: nettare e polline.

I fiori dovrebbero sbocciare nel corso delle stagioni, dall’inizio della primavera al tardo autunno. Scegli una varietà di specie autoctone di tutte le forme e dimensioni. Pianta grandi chiazze (pensa agli occhi di bue) di ciascuno per una raccolta più efficiente (meno distanza percorsa dalle api).

Taglia meno il prato ed evita gli erbicidi che uccidono le piante che producono nettare come il trifoglio, il timo rampicante e il dente di leone. Oppure togli il tuo giardino dall’erba poiché è una terra desolata per gli impollinatori (e la maggior parte della fauna selvatica).

2. Pianta nativa

Le piante autoctone sono specie che si trovano naturalmente nella tua regione. Forniscono alle api la loro unica fonte di cibo: nettare e polline. Alcune api autoctone possono nutrirsi solo di polline di gruppi specifici di piante autoctone. Sono ottime scelte per il giardino, perché si adattano al suolo e alle condizioni meteorologiche locali. Se li pianti nel punto giusto, prospereranno senza annaffiature, fertilizzanti o prodotti chimici aggiuntivi. Molti sono disponibili presso i centri di giardinaggio locali. Unisciti a una società di piante autoctone per trovare i migliori elenchi di piante locali.

3. Scegli il biologico

Le api sono insetti, quindi l’uso di insetticidi sul prato e sul giardino li ucciderà. Evita gli erbicidi che uccidono le piante e le piante pretrattate con insetticidi, come i neon. Acquista piante prive di pesticidi e prova tecniche collaudate nel tempo, come la raccolta manuale dei parassiti e l’utilizzo di barriere fisiche per tenere lontani i parassiti.

4. Basta aggiungere acqua

Le api e altri insetti utili – coccinelle, farfalle e vespe predatrici – hanno tutti bisogno di acqua fresca da bere. Ma la maggior parte non può atterrare in acque libere. Un torrente, uno stagno – anche un bagno per uccelli – li mette a rischio di annegare, schiantarsi o essere catturati dai predatori.

FONTE


Wild Bee House: Costruire un nido d’ape selvatico – Guida fai da te

Tubi di canna e bambù

Abbastanza semplici nella preparazione sono gli ausili per la nidificazione fatti di canne e tubi di bambù. In questo modo, un sacco di spazio vitale può essere ospitato in un piccolo spazio e offerto alle api selvatiche. I materiali per questo sono disponibili in un negozio di ferramenta convenzionale. Se questo aiuto per la nidificazione viene appeso alla parete con una certa distanza, il muro dietro di esso non si sporca così velocemente. Inoltre, gli insetti possono entrare ed uscire dalla porta posteriore e ottenere così una protezione aggiuntiva contro i predatori.

  • Tagliare strisce di canna o di bambù di circa 20 cm di larghezza
  • Lavora con una sega sottile per garantire tubi infrangibili
  • Roll tubi strettamente insieme
  • Quindi legare strettamente
  • Per l’allacciatura, prendere materiali resistenti alle intemperie
  • Ideale sono le cinture indossate e i tessuti resistenti
  • Raschiare bene gli ingressi dei singoli tubi
  • Pratica il midollo dai tubi di bambù
  • Appunta una piccola lamella di legno sul retro
  • Questo crea una distanza sufficiente dal muro
  • Fissare saldamente per evitare movimenti di oscillazione

Legni duri

Eccellente per la casa delle api selvatiche sono blocchi di legno duro stagionato, questi sono garantiti colonizzati dagli insetti. Inoltre, questo legno non tende a rompersi, anche se la distanza tra i fori è troppo stretta. Inoltre, assicurarsi che il blocco di legno non sia completamente forato. Per offrire una casa al maggior numero possibile di colonie di api selvatiche, il diametro dei fori è cruciale.I legni teneri sono completamente inadatti perché la resina che fuoriesce si attacca alle ali delle api in filigrana.

  • Ideale sono i tipi di faggio, quercia e cenere
  • Decostruire interamente pezzi di legno
  • Fornito di fori nel legno longitudinale, dove prima c’era la corteccia
  • Il diametro dei nidi deve essere di 2-10 mm
  • La distanza dovrebbe essere 2,5-3 volte il diametro delle frese
  • Prestare attenzione a punte di legno affilate e di alta qualità
  • In questo modo, i nidi diventano lisci e infrangibili
  • Più profondi sono i buchi, meglio è
  • I fori di trapano dovrebbero variare in diametro

Estruso

Lo Strangfalzziegel è il materiale di copertura più antico provato, che è fatto di argilla cotta. Questi mattoni sono piegati sui lati e hanno sul lato visibile intorno a camere cave nella direzione longitudinale. Il bordo perforato è arcuato, dritto o rotondo. I mattoni offrono una buona protezione contro la pioggia, perché solo la parte superiore è completamente bagnata. – In questo modo, l’intero tetto può essere reso amichevole e creare un habitat significativo per gli insetti.

  • Impilare le tessere incagliate sulla torretta piccola
  • Installare in un luogo riparato
  • L’ideale è sotto la tettoia o nel capanno aperto
  • Fornisce un utile aiuto per la nidificazione con molti fori
  • Soprattutto le api murate si sistemano qui

FONTE

 


E’ importante fare attenzione anche a quanto indicato in questo articolo:

La tua casa delle api da quattro soldi probabilmente sta uccidendo le api


Il Bee-Hotel che ho realizzato sul terrazzo di Hoikos (2015-2020):

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Arihanna e Bron ElGram (@bron_elgram)

 

NOTA: Questo articolo è solo una bozza. Appena possibile lo perfezionerò!